Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Paupisi: Russo (Pdl), inconvenienti di Fli non bloccano lavoro Governo

Scritto da il 7 dicembre 2010 alle 12:17 e archiviato sotto la voce Politica. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Nonostante il Pdl abbia dovuto fronteggiare inconvenienti provenuti dagli esponenti di Fli il governo va avanti, lavora per gli impegni presi con gli elettori e lavora anche per chi al posto di fronteggiare una crisi in fase di crescita  e trovare soluzioni di emergenza affinché l’Italia non diventi un’altra Grecia pensa alla propria poltrona e a come attaccare il Presidente del Consiglio. Mi è d’obbligo fare alcuni punti sui movimenti del presidente della Camera Gianfranco Fini che ha aspettato il mandato dei 2 anni prima di dare vita ad una crisi di governo, mandato che prevede il pensionamento . Il governo in questo periodo ha visto Fini come presidente della Camera ma nonostante ciò si è proposto nuovamente come leader un leader che attacca il presidente del suo partito che minaccia sfiducia e gli punta il dito contro, può sembrare un atto di coraggio e di presa di posizione ma è come se avesse puntato il dito contro la maggioranza degli Italiani i quali hanno dato fiducia al Pdl.
 A seguito di queste vicende e molto prima dell’incontro a Bastia Umbra avrebbe dovuto dimettersi dalla carica di presidente della camera prendere quei quattro bagagli ed iniziare a fare politica contro Berlusconi contro il governo e contro un Italia che di tutto ha bisogno in questo momento tranne che di una crisi politica personale crisi personale perché tutto quest’odio nei confronti dell’operato del governo da parte degli Italiani non c’è ,questo accanimento contro Silvio Berlusconi non c’è tranne che da Fini e qualche centro sociale “ oggi si può pensare anche che sia gestito da Fini”.
Ricordo che Fini era già un vice ed ha distrutto L’MSI e i valori di  Giorgio Almirante, ha formato An e l’ha sciolta forse già auspicava ad una successione di Silvio Berlusconi cosa che non si è realizzata e che ha dato fastidio, tanto da mettere il governo in crisi…ed oggi si parla di alleanze con UDC e Rutelli, Fini è passato da fascista a disfascista  della politica dei valori e della sua provenienza storico politica,cercando in qualunque modo di susseguire al Presidente Berlusconi mettendo a repentaglio l’interesse della nazione e fregandosene degli elettori solo perché non si è aggiudicato un seguito cosa diversa da un vero Leader che nonostante attacchi continui Berlusconi si mobilita per l’Italia rappresentandoci tra i primi del mondo.
Questo polverone o colpo di coda da parte dei Finiani credo sia una sorta di suicidio perché a votare non andrebbero solo Fini Casini e Rutelli ma gli Italiani che ponderano i fatti e sono giudici di chi li deve amministrare e non certo una sorta di combriccola contro Silvio Berlusconi rappresentata da un personaggio che soffre di protagonismo.
Mi rivolgo ai lettori di questo giornale: immaginate un polo gestito da Fini,Casini e Rutelli… sinceramente futuro e risultati non ne vedo anzi aggiungerei alla combriccola Pannella, Vendola e Lussuria con l’ombra di Bersani  e la matassa è completa e tutto questo non per l’interesse degli Italiani ma per l’interesse proprio e di ruoli.

                                                    Angelo Raffaele Russo, Coordinatore PDL – Paupisi

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628